...

Casablanca città

Casablanca città

Casablanca città, la “città bianca”, è la più grande città del Marocco, un enorme porto e di fatto la seconda capitale dello Stato. È anche il più grande centro turistico della costa atlantica del Paese: intorno ad essa si trovano diverse destinazioni balneari popolari. La gente viene qui per il colore orientale e per lo shopping interessante, ci sono moschee, chiese cattoliche e ortodosse, bazar orientali e monumenti francesi: ognuno troverà qualcosa di interessante.

I 10 luoghi più interessanti della città di Casablanca

Moschea di Hassan II

La Moschea di Hassan II è la principale e più bella moschea della città di Casablanca, situata proprio sulla riva dell’Oceano Atlantico. Fu costruita nel 1993 dall’architetto francese Michel Pinceau e divenne la più grande moschea del Paese. Il suo minareto è alto 210 metri e può ospitare fino a 25.000 persone.

Si è cercato di fare di questa moschea un vero e proprio simbolo nazionale: è quasi interamente costruita con pietre estratte in Marocco. Si tratta di marmo rosa, onice, granito colorato e altre rocce. Solo il marmo bianco come la neve per decorare le colonne è stato portato dall’Italia. Alla sua decorazione hanno lavorato diverse migliaia di artisti marocchini.

La particolarità dell’edificio è che sporge di molto nell’acqua. L’architetto stesso ha detto di essere stato colpito dalle parole del Corano: “Il trono di Allah è sull’acqua”, e ha cercato di incarnarle nell’architettura. La vista sull’oceano si apre proprio dalla sala di preghiera.

Faro di El Hank

Il faro di Capo El Hank è uno dei simboli della città di Casablanca. Fu costruito nel 1914. È una torre bianca come la neve, alta 50 metri, con 256 gradini che portano in cima. Per entrare bisogna pagare, ma se si vuole si può salire.

All’inizio del XX secolo, il faro era dotato delle attrezzature più nuove e di migliore qualità. Ha funzionato per 100 anni e funziona ancora. La luce di questo faro può essere vista da 53 km di distanza. Una caratteristica divertente è che nei giorni di festa i marocchini decorano il faro avvolgendolo con strisce di stoffa colorate.

Dalla sua sommità si ha la migliore vista sulla costa, sulla moschea di Hassan II e sul quartiere dei pescatori, con le sue piccole e graziose case. L’ampia striscia di spiaggia di fronte al faro è in realtà un campo da calcio, molto amato dalla gente del posto.

Piazza Mohammed V Ensemble

All’inizio del XX secolo, quando fu chiaro che non c’era più spazio per gli edifici pubblici nella Città Vecchia, la città fu notevolmente ampliata. Fu allora che iniziò a prendere forma l’insieme di questa piazza che oggi è il centro amministrativo della città di Casablanca.

Nel 1916 vi fu eretto l’edificio del Consolato francese, progettato dall’architetto A. Laparde. Nel 1922 fu costruito il Palazzo di Giustizia – Palais de Justice Mahakma do Paix. Costruito nel tradizionale stile marocchino, con ricchi ornamenti e decorazioni interne, sembra più un palazzo che un semplice centro amministrativo. Oggi è l’edificio che attira molti turisti e al suo interno è possibile entrare con una visita guidata o nelle giornate di porte aperte più volte all’anno. Nel 1937, la Prefettura fu dotata di un’enorme torre – la sua altezza è di circa 50 metri, e questa torre è anche segnalata in tutte le guide turistiche come uno dei simboli della città. Infine, al centro della piazza si trova la fontana costruita nel 1976, attorno alla quale sono soliti volare enormi stormi di piccioni.

Medina vecchia di Casablanca

La vecchia medina, il vecchio mercato della città di Casablanca, è un’area che non è cambiata molto dalla fine del XIX secolo. È stata una fortuna: i dirigenti francesi hanno deciso di non ricostruire il vecchio centro storico, ma di spostare semplicemente il centro della città in una nuova posizione. Così ora si può passeggiare tranquillamente per le vecchie strade strette tra gli edifici, che hanno 200-300 anni. Il quartiere è rimasto residenziale: non è stato ripulito per i turisti e non è stato restaurato, ma è qui che si può sentire il colore del vecchio Marocco.

Il mercato stesso è attivo qui: si vende di tutto, dalla frutta agli articoli in pelle. Qui è consuetudine contrattare: di norma non ci sono cartellini con i prezzi e bisogna negoziare il prezzo con il venditore. Preparatevi al fatto che il prezzo iniziale è sempre gonfiato e che dovrete cercare di abbassarlo. Rumorosi venditori ambulanti, abbondanza di prodotti esotici, la possibilità di vedere con i propri occhi il lavoro degli artigiani: tutto questo si può trovare nella vecchia medina.

Museo della Comunità ebraica del Marocco

La comunità ebraica in Marocco ha diverse migliaia di anni: i commercianti ebrei iniziarono a stabilirsi qui nel IV-III secolo d.C.. Nel Medioevo arrivò un’enorme ondata di immigrati: quando gli ebrei furono espulsi dalla Spagna e dal Portogallo alla fine del XV secolo, molti si trasferirono qui con le loro famiglie. Oggi, nonostante molti si siano trasferiti in Israele, Casablanca vanta una significativa diaspora ebraica. Il Marocco è oggi lo Stato islamico più favorevole a Israele e le sue autorità fanno molto per preservare il patrimonio ebraico: antiche sinagoghe, cimiteri, ecc.

Il museo è stato aperto nel 1997. Il museo dispone di un centro multimediale dove si possono vedere filmati sulla storia degli ebrei marocchini e l’esposizione stessa è composta da oggetti di culto e di vita dal XIII secolo. L’arte ebraica e quella araba si sono influenzate a vicenda per secoli e nel museo è possibile vedere il loro intreccio.

Cattedrale del Sacro Cuore

Un’enorme cattedrale cattolica costruita negli anni ’30 dall’architetto francese Paul Tournon. Questo architetto è stato uno dei primi a utilizzare strutture in cemento armato, che hanno permesso di creare edifici davvero enormi e moderni. A lui si deve, ad esempio, la famosa Chiesa di Saint-Esprit a Parigi.

La Cattedrale del Sacro Cuore è un grandioso edificio neogotico con motivi tradizionali marocchini. Spesso si parla di “cattedrale”, ma non è corretto: qui non c’è mai stato un pulpito vescovile, solo che questo tempio è davvero impressionante nella sua scala. Le funzioni si sono tenute fino al 1956, ma dopo il riconoscimento dell’indipendenza del Marocco da parte della Francia, le funzioni non hanno più avuto luogo. Ora è un centro culturale con concerti e mostre, quindi l’ingresso è libero. Le vetrate e parte dell’arredamento sono stati conservati.

Museo Abdurahman Slough

Piccolo museo privato basato su una collezione d’arte messa insieme dall’uomo d’affari marocchino Abdourahman Slau. Presenta principalmente oggetti d’antiquariato del XIX-XX secolo: una collezione di vecchi manifesti, mobili francesi art nouveau, oggetti per la casa, incisioni e soprammobili. Ci sono mostre permanenti, ma anche mostre temporanee. Il museo possiede un’ampia collezione di opere di Mohamed Ben Ali R’bati, il più famoso artista marocchino del XIX e XX secolo. Sono molto belle e interessanti perché combinano le tecniche classiche europee di pittura con la tradizionale miniatura araba.

Il museo occupa due piani e al secondo piano si trova un piccolo caffè. Dato che Casablanca non ha un museo di storia locale tradizionale, questo museo può sostituirlo.

Quartiere Habous

Habous è un quartiere costruito dai francesi tra gli anni ’10 e ’30 durante l’espansione della città. È una visita obbligata perché qui si trova il vero centro turistico di Casablanca. Se la città vecchia può essere un po’ disordinata e spaventosa la sera, qui è bella, luminosa e sicura. Il sapore orientale è stato completamente conservato qui, ma è stato preservato dai franco-europei, quindi è proprio quello di cui il turista ha bisogno.

Le case sono decorate con ornamenti orientali, belle e perfettamente pulite, i negozi di souvenir sono dotati di aria condizionata e le strade strette confinano con gli ampi e verdi viali. Ci sono alcune belle moschee, anch’esse costruite dai francesi negli anni Trenta, come quella del sultano Moulay Youssef bin Hassan.

C’è anche la Nuova Medina, il nuovo mercato, che è quello che attira la maggior parte delle folle qui. Il mercato è diviso in sezioni: da qualche parte si vendono solo spezie, da qualche parte olio d’oliva, da qualche parte ceramiche, da qualche parte salsicce di carne di cammello, ma anche souvenir, ovunque e a ogni passo. A differenza della città vecchia, dove i ristoranti sono quasi inesistenti, qui abbondano.

Cattedrale di Notre Dame de Lourdes

L’attuale cattedrale cattolica è stata costruita dal 1929 al 1953 dall’architetto francese Auguste Perret. Questo edificio è un esempio di come sia possibile non aderire allo stile tradizionale nell’architettura religiosa, ma creare qualcosa di completamente nuovo. Il tempio combina elementi del costruttivismo e del neogotico. Anche l’interno è molto particolare: le colonne costruttiviste si stagliano sulle luminose vetrate.

La cattedrale è stata costruita in memoria dell’apparizione della Vergine Maria nel 1858 nella città di Lourdes. Oggi Lourdes è uno dei più importanti centri religiosi cattolici. In questa cattedrale, la statua della Madonna nel cortile ci ricorda l’apparizione miracolosa. Si trova in una nicchia della grotta, proprio come apparve a una ragazza francese, Bernadette Soubirous.

Parco acquatico Tamaris

A 15 km dalla città di Casablanca si trova il più grande parco acquatico del Marocco, con una superficie di oltre 7 ettari. Ci sono diverse zone: per bambini (Twistie Paradis), estrema e per famiglie. Tutte e tre le zone sono collegate da un fiume lento che attraversa l’intera area. C’è una piscina con una vera e propria spiaggia di sabbia.

Oltre alle attività acquatiche, c’è una pista da bowling e un grande centro giochi per bambini con una varietà di attività, dal driving range ai giochi da tavolo. Nel pomeriggio sono solitamente presenti animatori per bambini. C’è anche un mini-zoo con elefanti e tre caffè con cucine diverse: italiana, marocchina e americana.

Tutti i visitatori notano la pulizia e l’ordine. I turisti europei cercano di arrivare qui durante il mese del Ramadan, quando vengono quasi solo gli stranieri; in altri periodi, soprattutto la sera, può essere piuttosto affollato.

Aeroporto di Casablanca

L’aeroporto della città di Casablanca prende il nome dal sultano Mohammed V. Si trova nella città di Nouesser, a circa 30 chilometri da Casablanca. L’aeroporto è collegato a molte città del mondo e nel 2011 è stato lanciato un volo diretto Mosca-Casablanca.
L’aeroporto dispone di 2 terminal collegati da un passaggio. Il terminal 2 serve i voli internazionali e il terminal 1 quelli nazionali.
Ogni anno vengono serviti più di 7,5 milioni di passeggeri e l’aeroporto dispone di due piste, entrambe lunghe 3.720 metri.

ArticoliArticoli sul Marocco Articoli sulla città di Casablanca.
Aeroporto di Casablanca Stampa

Aeroporto di Casablanca

L’aeroporto di Casablanca prende il nome dal sultano Mohammed V. Si trova nella città di Nouesser, a circa 30 km da Casablanca. L’aeroporto è collegato a molte città del mondo e nel 2011 è stato lanciato un volo diretto Mosca-Casablanca.
L’aeroporto dispone di 2 terminal collegati da un passaggio. Il terminal 2 serve i voli internazionali e il terminal 1 quelli nazionali.
Ogni anno vengono serviti più di 7,5 milioni di passeggeri e l’aeroporto dispone di due piste, entrambe lunghe 3.720 metri.

I servizi

L’aeroporto di Casablanca è pronto a offrire ai suoi ospiti una serie di servizi. Per i passeggeri di classe business, l’aeroporto dispone di una Business Aviation Lounge con accesso a Internet, attrezzature da ufficio, TV satellitare, ecc. Per le conferenze è possibile utilizzare la lounge dell’Atlas Airport Hotel, che si trova vicino al terminal.
L’aeroporto di Casablanca offre anche un gran numero di caffè e ristoranti sempre pronti a sfamare i visitatori affamati.
Per i passeggeri con bambini è disponibile un servizio speciale: accompagnare i bambini dai quattro ai dodici anni e garantire la loro completa sicurezza. Per usufruire di questo servizio, è necessario presentare in anticipo un pacchetto di documenti.
Inoltre, l’aeroporto dispone di accesso wireless a Internet, ufficio postale, bancomat, filiali bancarie, ecc.
In caso di necessità, i turisti possono sempre usufruire dei servizi di assistenza medica nel centro medico o acquistare medicinali in farmacia.

Ricreazione

Non lontano dall’aeroporto si trova l’hotel “Atlas Airport Hotel” – 3 stelle, già menzionato in precedenza. Pertanto, i turisti possono sempre riposare comodamente in questo hotel. Vale la pena aggiungere che l’aeroporto dispone anche di un hotel, ma solo per i passeggeri in transito.

Come arrivare

Ci sono 4 modi per arrivare dall’aeroporto alla città di Casablanca:

  • Treno. Al Terminal 1 c’è una stazione ferroviaria da cui partono regolarmente treni a intervalli di un’ora. L’orario di percorrenza è dalle 6:50 alle 22:50.
  • Autobus. Dall’aeroporto partono regolarmente autobus STM dalle 5:30 alle 23:00.
  • Taxi. Una stazione di taxi si trova vicino alla sala arrivi.
  • Noleggio auto. Nel terminal sono presenti diverse società che offrono il servizio di noleggio auto.

Passeggiate nella città di Casablanca

Il nome di questa città marocchina è ben noto a tutti gli amanti del cinema: nel 1942 un regista americano girò un film romantico che divenne poi un cult. Così oggi gli appassionati di cinema e romanticismo vanno a fare passeggiate a Casablanca, cercando di ritrovare paesaggi e luoghi familiari del film.

Passeggiate nella Casablanca di un tempo

Il nome della città è tradotto molto semplicemente – “casa bianca”, ma in questa semplicità c’è sia autenticità che bellezza. Passeggiando per le vie del centro storico, il turista si accorge inconsapevolmente di quanto colore bianco lo circondi, infatti le strade sono costituite da case in pietra bianche come la neve e da vie strette e curve. Colpisce l’assenza di mezzi di trasporto, non c’è altro che pacifici asini, con il turista è la cosiddetta immersione nella storia, in epoche precedenti, quando nessuno pensava al progresso tecnico.

È questa atmosfera antica che diventa l’attrazione principale della città di Casablanca se la si percorre da soli, senza guida. Se una guida accompagna il viaggiatore o il gruppo di turisti, Casablanca svela molti dei suoi segreti. Ad esempio, si può fare una passeggiata attraverso il maestoso e imponente palazzo, che ha un nome eloquente: Mahakma does Pasha, che suona come la residenza del Pascià di Casablanca.

Il complesso del palazzo è costruito in stile ispano-moresco, come si può notare a colpo d’occhio. Ci sono circa sessanta sale grandi e piccole, ci sono accoglienti cortili interni e molte delle stanze sono decorate con intagli artistici tipici di questo stile.

Moschea di Hassan II

Un altro viaggio a Casablanca può essere legato alla cultura islamica e alle moschee locali, che sono un’opera d’arte di architetti antichi e moderni. Il cuore della città è la Moschea Hassan II, che è la seconda più grande (al mondo). È stata costruita non molto tempo fa e per questo Michel Pinceau, un architetto francese, è riuscito a far scorrere la cupola. Ora il luogo di preghiera “con un leggero movimento della mano” può trasformarsi in una terrazza aperta.

Da un lato, la moschea Hassan II è il principale edificio religioso musulmano di Casablanca; dall’altro, vi sono ospitate anche altre istituzioni:

  • una biblioteca con una vasta collezione di antichi testi sacri;
  • Madrasah, una scuola per “giovani teologi”;
  • Il Museo Nazionale conserva importanti manufatti.

Inoltre, la moschea ospita una serie di eventi culturali.

Spiagge a Casablanca

Casablanca, città africana dal tipico nome spagnolo, è la più grande città del Marocco ed è la capitale economica e finanziaria del Paese. Come porto marittimo, Casablanca è diventata la città più grande dell’intero Stato africano. Sebbene la capitale moderna sia Rabat, Casablanca è ancora considerata il simbolo del Marocco.

Nonostante tutti i collegamenti con altri Paesi del mondo, questa città sulla costa ha conservato perfettamente i suoi colori nazionali. Piccole case, per lo più con tetti piatti, sovrastate da un’imponente moschea, che in alcuni orari è aperta ai turisti. In linea di principio, un musulmano in visita ha il diritto di entrare nell’edificio religioso e di pregare non solo durante l’orario “turistico”.

In questa città, chi parla abbastanza bene il francese si sentirà a suo agio, perché la popolazione locale lo parla in misura maggiore o minore. I residenti che parlano inglese sono molto pochi. Ma la maggior parte dei visitatori di Casablanca non si concentra principalmente sulle escursioni, ma si concede una vacanza al mare.

Molte delle spiagge di Casablanca sono artificiali, anche se non sono inferiori a quelle naturali. Le migliori spiagge sabbiose della città di Casablanca con acque limpide sono:

  1. Ayn Diab.
  2. Booznik.
  3. Agadir.
  4. Cornovaglia.

La spiaggia più importante della città di Casablanca è Ain Diab. È vicina al centro della città. Tuttavia, qui si verificano onde alte che non sempre permettono di fare una buona nuotata. Per questo motivo, ci sono numerose piscine sulla costa e beach club nelle vicinanze. Potete nuotare nelle piscine con i vostri bambini.

Bouznika

Buznika non si trova più in città, ma tra Casablanca e Rabat. La città è chiamata anche Buznika e ogni inverno vi si riversano surfisti e nuotatori. La spiaggia dista 40 km dalla città di Casablanca.

La spiaggia della città di Agadir, situata in una baia chiusa, è incredibilmente popolare tra i turisti. Inoltre, è protetta dalle colline circostanti. Qui si possono praticare gli sport acquatici: nuoto, surf, sci d’acqua. Ad Agadir è facile essere ingannati: tutto sembra europeo, anche i vestiti dei passanti, mentre ci si trova in un Paese musulmano.

La Corniche

Le spiagge della Corniche sono d’élite. Non troverete qui una vacanza economica. Tuttavia, se siete persone facoltose, potete scegliere questa opzione, poiché il resto delle spiagge degli hotel privati sono organizzate sulla forcella superiore.

Chi ama il sole e le estati afose dovrebbe visitare le spiagge della città di Casablanca, soprattutto se le spiagge europee e turche sono già state riempite.

Ci sono altri Articol

  • Tangeri città
    Le prime immagini che vengono in mente quando si parla di Tangeri città, sono il luogo in cui lo Stretto di Gibilterra … Read More
  • Olio di argan
    Il legno di ferro, qui raffigurato, cresce nei semi-deserti africani. L’estratto Olio di argan si ottiene per spremitura. Il costoso prodotto di … Read More
  • Fantasia Marocchina
    L’arte della “Fantasia Marocchina” è una delle più antiche arti marocchine che si tramanda da secoli di generazione in generazione, poiché i … Read More
  • Terra Marocchina
    Terra Marocchina È così che gli abitanti del Marocco di oggi rispondono di solito alla domanda sulla loro nazionalità. Il termine “nazione … Read More

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Aprire la chat
Benvenuti a Trips Around Morocco
Salve, iniziamo a pianificare la vostra vacanza in Marocco.
Seraphinite AcceleratorOptimized by Seraphinite Accelerator
Turns on site high speed to be attractive for people and search engines.