...

Cose da vedere a Marrakech

Tour di 3 giorni da Marrakech a Merzouga

Marrakech è una delle città più famose del Marocco. Quali sono le cose più importanti da vedere e scoprire nella città rossa di Marrakech?

Piazza Jemaâ el-Fna

È una delle cose da vedere a Marrakech. Quando arrivate lì, la prima Cose da vedere a Marrakech è andare alla “Piazza”, come sentirete dire dai marocchini. Jemaâ el-Fna è davvero il cuore di Marrakech, il crocevia della città dove si concentra tutto. Ovunque vi troviate, incontrerete regolarmente un marocchino che vi chiederà: “Stai cercando la piazza, amico mio? È laggiù”.

Subito dopo aver sistemato la mia valigia in albergo, mi sono recato immediatamente in piazza Jemaâ el-Fna per entrare in sintonia con l’atmosfera. Al mattino è abbastanza deserta, poi, con il passare del giorno, i negozi e le bancarelle di succhi di frutta aprono uno dopo l’altro… Alle 13, il traffico diventa vietato per lasciare il posto agli spettacoli. Altri espositori iniziano a far vivere Marrakech con il suono degli strumenti e i colori dei costumi berberi.

Le terrazze dei caffè e dei ristoranti si riempiono. Storicamente, la “Piazza dei Morti” era il luogo delle decisioni dei tribunali (XII secolo). Poi, ha fatto da collegamento tra le città dell’Occidente e le terre dell’Atlante e del deserto. In breve tempo è diventato il luogo del commercio e dell’intrattenimento della città. Dal 2008, è persino iscritto al Patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. Maggiori informazioni e immagini sono contenute nel mio articolo sulla piazza Jemaâ el-Fna.

Jemaâ el-Fna di notte

Ma è di notte che Jemaâ el-Fna assume tutta la sua intensità. La piazza brulica come un formicaio! Dai turisti stranieri in viaggio a Marrakech alle famiglie marocchine in visita per il fine settimana, fino ai semplici abitanti del luogo che passeggiano, tutti si incontrano qui di notte. L’atmosfera è completamente allucinante! E io soppeso le mie parole. Veniamo portati in molti stand dove tutto è agitato. Si parla di spettacoli di ogni tipo (addestratori di falchi, incantatori di serpenti, danzatori tradizionali, tatuatori di henné, cartomanti, portatori d’acqua, giochi da fiera…). E tutto questo nel frastuono di più gruppi che suonano la loro musica estatica uno accanto all’altro. Quando si esce da lì si è letteralmente distrutti. Se siete agorafobici, scappate!

La Koutoubia e i suoi giardini

Situata proprio accanto alla piazza Jemaâ el-Fna, la Moschea della Koutoubia è emblematica per il suo grande minareto alto oltre 70 metri (77 m con la guglia). Costruita nel XII secolo, ha ispirato l’architettura della Giralda di Siviglia. L’accesso all’interno è vietato ai non musulmani. È quindi necessario accontentarsi dell’architettura esterna. Se l’insieme è piuttosto sobrio, il minareto, sormontato da una lanterna, è stato finemente scolpito con archi intrecciati (sebka), merli e fasce di maiolica blu. Le sue pietre dorate accolgono il sole al passare del giorno.

Si noti inoltre che ognuno dei quattro lati è decorato con un motivo diverso. Si dice che le sfere di rame della freccia simboleggino le tre moschee dell’Islam. Kaaba (Mecca), Medina e Al Quds. La leggenda narra che in origine furono realizzate con l’oro fuso dei gioielli della moglie del Califfo. Perché aveva mangiato durante il giorno durante il Ramadan.

Accanto alla Koutoubia, si possono scoprire le rovine dell’antica moschea del nord, scoperte durante gli scavi archeologici. Questa fu distrutta e ricostruita in modo identico (l’attuale Koutoubia). E questo perché il Mihrab (nicchia di preghiera) non era perfettamente orientato in direzione della Mecca. Se, come me, a un certo punto sentite il bisogno di prendere fiato dal trambusto della Medina, andate a sedervi nei giardini del Parco Lalla Hasna. Qui i nervi si rilassano al suono dell’acqua che scorre. L’odore dei fiori d’arancio profuma il parco.

I souk di Marrakech

Questo è l’altro luogo in cui immergersi completamente nella vita di Marrakech. Ed è vero che nei souk c’è un bordello! (senza le ragazze della gioia ovviamente, mi avete capito!). La fantasia del souk arabo sono i colori, i profumi delle spezie… Beh… quasi ma non del tutto! Da parte mia, ho avuto difficoltà con le biciclette e soprattutto con i motorini che passano. Suonano il clacson se non cammini sulla destra e ti affumicano con i loro scarichi. Poi, siamo costantemente avvicinati con più o meno insistenza. Di conseguenza, si finisce per essere sempre più psicologicamente allergici.

La parola souk significa “mercato”, e a Marrakech ognuno ha la sua specificità con strade dedicate allo shopping. C’è il souk dei ferraioli, dei conciatori, dei pellettieri, dei fruttivendoli, dei macellai, dei venditori di babouches e djellabas… Le strade sono per lo più coperte da lamiere per proteggere i passanti dalla pioggia e dal sole (è lontano dalla Galleria Vittorio Emanuele II). Si ha l’impressione di vagare in una labirintica galleria sotterranea. Anche dopo 3 giorni di visita a Marrakech, perdendomi più o meno volontariamente, passando e ripassando negli stessi luoghi. Non sono quasi mai riuscito a sapere con precisione dove mi trovavo e a trovare la strada che volevo. Era come se mi teletrasportassi mio malgrado, o come se la città si ridisegnasse man mano, come un cubo. Eppure credo di avere un buon senso dell’orientamento.

Cosa visitare a Marrakech?

La Medersa Ben Youssef

Quando si visita Marrakech, scoprire la Medersa è una delle cose da non perdere a Marrakech. Sembra di sì, perché quando sono andata in Marocco era chiusa per restauro (fino alla fine del 2019/inizio 2020). Confesso che sono rimasta piuttosto disgustata quando l’ho saputo sul posto. Perché, dalle foto, sembra davvero splendida! Questa scuola coranica fu fondata all’inizio del XIV secolo. Poi fu ampliata e ristrutturata dai Saadiani nel XIV secolo. Divenne allora la più grande scuola del Nord Africa con i suoi 900 studenti che venivano a studiare legge e teologia (competuta da quella di Fez, chiuse nel 1962 e divenne un museo).

Anche se non siete musulmani, potete (normalmente) visitare la Medersa, un simbolo notevole dell’estetica arabo-andalusa. Dopo aver attraversato la porta di bronzo, ornata da bellissime sculture lignee e mosaici, si arriva in uno splendido cortile di marmo di Carrara, circondato da pareti finemente decorate con rilievi e colori. Al primo piano si trovano le 132 celle per gli studenti, disposte intorno a un ampio patio. Una sala di preghiera con tre colonne di marmo e una magnifica cupola di cedro.

Il Giardino Majorelle

Il Jardin Majorelle è annunciato come le altre cose da vedere a Marrakech. Devo ammettere che avevo delle idee preconcette al riguardo… Guardando le foto su internet, ho pensato che sembrava molto occidentale e che non era quello che ero venuta a vedere in una città del Maghreb.

Poi, dopo averci pensato, sono venuta qui per fare delle cose e quindi mi sono detta “beh, ok, alla fine vedremo! “Per visitare il Jardin Majorelle, bisogna uscire dalla Medina e andare a Nord, nella Città Nuova di Marrakech (molto male indicata, 1/2h a piedi dalla piazza Jemaâ el-Fna). Una volta arrivati, c’era una bella coda che… mi aspettava. Prevedete cappellino e bottiglia d’acqua perché siamo in pieno sole fino alle 14.00! Dovete sicuramente vedere questo giardino perché è considerato una delle cose più importanti da vedere a Marrakech.

Cosa vedere nel giardino Majorelle:

Dopo più di un’ora di coda e 70 dirham pagati per l’ingresso (solo, non al Museo Berbero), entro in questa oasi in città che il pittore orientalista Jacques Majorelle creò negli anni ’20: un giardino di 8000 m2 dove piantò centinaia di specie diverse di piante esotiche. Furono Yves Saint-Laurent e Pierre Bergé a rendere famoso il luogo acquistandolo nel 1980, dopo anni di abbandono.

Una volta entrati, l’ho subito apprezzato (e non solo per il fresco ombroso dei bambù dopo il gran caldo). Nonostante la folla, dal sito si sprigiona un profumo di serenità. Lungo i vicoli, si cammina tra cactus, palme, banani, palme da cocco, bouganville, agavi e cactus… Un discreto monumento, modesto (anche se fallico?) rende omaggio ai defunti proprietari. Tra i luoghi di sosta, c’è il piccolo stagno di ninfee con rane e carpe (dovrete avere pazienza per arrivare davanti alle orde di egocentrici che si accovacciano per fotografarsi).

L’iconica casa Art Déco con il blu Majorelle non manca di rendere il luogo esteticamente piacevole. È il luogo di ritrovo del giardino. Il suo colore blu intenso e profondo “contrasta armoniosamente” con le parti gialle e infine si inserisce molto bene nel suo ambiente vegetale. Se non si è acquistato il biglietto per il Museo Berbero, sono accessibili solo due spazi interni (il negozio di souvenir e il negozio di moda).

Il Museo di Marrakech

Il mio secondo giorno a Marrakech è stato il giorno delle grandi piogge primaverili e quindi sono andata a vedere una delle cose più ammirate di Marrakech, questo museo… dei musei. Poiché la Medersa era chiusa, ho “ripiegato” sul Museo di Marrakech che avevo individuato il giorno prima passeggiando nei souk. Costruito intorno al 1900 da Medhi Mnebhi, allora ministro della Difesa, il palazzo era allora la residenza del pascià el-Glaoui prima che Omar Benjelloun, grande collezionista e mecenate delle arti, vi creasse un museo (ingresso 50 dirham).

Si viene accolti da una citazione di Voltaire e da una dichiarazione della vedova Benjelloun sull’arte e la tolleranza. Questo dà immediatamente il tono alla visita. Le prime sale raccontano la storia del luogo e del fondatore attraverso documenti d’archivio (fotografie, giornali, oggetti…). Dopo la douiria, si arriva allo splendido patio, contraddistinto dalla lampada in rame battuto magistralmente sospesa. Che impone!

La decorazione del Museo di Marrakech

Al di là del fatto che questo museo mi è piaciuto molto, la visita, secondo me, vale già solo per questa sala! Le zellighe decorano il pavimento, le pareti e le colonne, mentre la raffinata scultura in legno degli archi colpisce e seduce. Le due porte ai lati del cortile interno sono sontuose con i loro pannelli di legno dipinto! Ai lati, piccole stanze fungono da gallerie con vetrine che espongono vari oggetti da collezione. Non dimenticate di alzare lo sguardo per ammirare i soffitti decorati.

Passeggiando per i corridoi sul retro del palazzo, scoprirete le tre sale dell’ex hammam che oggi ospitano mostre temporanee. Tornando verso l’uscita, se non l’avete già fatto all’inizio, fate un piccolo giro nella vecchia cucina. La douiria è “uno spazio nello spazio” con le sue piccole stanze intorno a un altro cortile, sobriamente decorate con ceramiche verdi su pareti bianche. Oggi è una galleria che espone opere di artisti marocchini contemporanei.

Il palazzo el-Badi

Sono andata a visitare il Palazzo el-Badi… non è un errore! Avevo programmato di andarci ma mi sono trovata nel posto sbagliato. Infatti, stavo girovagando per il quartiere alla ricerca del Palazzo Bahia senza guardare la mappa turistica di Marrakech e mi ci sono imbattuta un po’ per caso. Badi… Bahia… nella sua culla: c’è solo un passo per confondersi! Soprattutto perché in realtà il nome di questo monumento è scritto qui “Palazzo Badia” sui cartelli. I due palazzi quasi omonimi si trovano a poche centinaia di metri l’uno dall’altro. Si vede che non è quasi tutta colpa mia!

Una volta entrati, la visita di questo palazzo in rovina inizia con le vecchie prigioni e ne racconta la storia. Poi, si arriva all’enorme cortile (135 metri di lunghezza e 110 di larghezza) con le sue grandi vasche e i suoi giardini che respirano i fiori d’arancio (la pianta avrebbe ispirato quella dell’Alhambra di Granada). Si può immaginare lo splendore che doveva avere quando fu costruita nel XVI secolo, ma qui è quasi desolata. Si racconta che il suo proprietario, il sultano Ahmed el-Mansour, avesse ricoperto il pavimento di oro, cristalli ecc… e che il palazzo sia stato saccheggiato solo… 75 anni dopo. Inoltre, questa cosa da vedere a Marrakech è la migliore per chi ama i giardini e la natura.

Intorno al 1696, il sultano alauita Moulay Ismaïl ne ordinò la demolizione (i materiali sarebbero stati riutilizzati a Meknes per la costruzione della sua città reale). D’ora in poi, gli attuali residenti sono… le cicogne! Se ne vedono molte che nidificano sulle torri e sulle pareti di adobe.

Passeggiata intorno al palazzo Badi

Il resto della visita al Palazzo Badi consiste essenzialmente in una passeggiata tra i resti, una passeggiata tra le mura ancora in piedi con, a volte, alcuni resti di zelliges in uno stato più o meno fatiscente. Se, come me, avete pagato il supplemento di 10 dirham, avrete accesso a una piccola sala dove è esposto il “capolavoro” del palazzo, l’antico minbar della Moschea della Koutoubia risalente al XII secolo. Un capolavoro di intarsio e ornamento, simbolo dell’arte arabo-andalusa.

A dire il vero, il Palazzo Badi non ha nulla di intrinsecamente eccezionale e la sua visita sembra piuttosto vuota… Tuttavia, uno dei suoi interessi è la sua terrazza. Offre una vista a strapiombo sul cortile interno e soprattutto un panorama sui tetti di Marrakech con le montagne dell’Atlante in lontananza. Dopodiché, bisogna ammettere che il biglietto d’ingresso è davvero poco costoso (≃ 1€). Mi dico che potrebbe raddoppiare il prezzo per finanziare il restauro del luogo… Per informazione, il Palais Badi è il luogo dove ogni anno si svolge il Festival della Risata di Marrakech, creato da Jamel Debbouze.

la sala splendidamente decorata

All’ora di chiusura (17.00), non avevo ancora trovato la sala splendidamente decorata che avevo visto nella mia guida. Sentivo chiaramente di essermi persa LA cosa da vedere in questo palazzo. All’uscita, ho chiesto alla guardia all’ingresso, che mi ha guardato con freddezza e con tutta la condiscendenza e il disprezzo che si può avere nei confronti di un turista occidentale come me: “Mi scusi. Parla francese? “, “No. È finita, fuori! “. Vi lascio immaginare come mi ribolliva dentro in quel momento e l’effervescenza delle sadiche soluzioni immaginate per insegnargli la cortesia! Comunque, andiamo avanti. Poco dopo mi rendo conto che la stanza in questione si trova in realtà nel Palazzo… Bahia.

Il Palazzo Bahia

Il giorno successivo sono (ri)partita per visitare il Palazzo della Bahia (“Palazzo della Bella”) che mi ero persa il giorno prima. Questa vasta residenza (8 ettari) fu costruita su ordine del Gran Visir Ahmed Ben Moussa tra il 1860 e il 1874 per ospitare le sue 4 mogli e 24 concubine. Era destinata ad accogliere il mondo e, come minimo, è ancora così! Tutti i viaggiatori che vengono a Marrakech per turismo vengono qui. Se avete molto tempo a disposizione a Marrakech, il palazzo della Bahia è sicuramente un’attrazione da non perdere.

Le sale e i giardini sono pieni di gente, con l’insaziabile tendenza a scattare foto in continuazione. Dovete essere estremamente pazienti se volete avere una finestra di opportunità in cui non vi venga rovinata la foto per i narcisisti in viaggio (sì, ho un vero fastidio per i selfie!). Tuttavia, questo non toglie nulla alla bellezza del luogo, che è assolutamente notevole! Le stanze si susseguono con lo stesso splendore. Gli intarsi delle porte, dei soffitti e degli architravi sono sublimi con i loro molteplici motivi geometrici. Si attraversano diversi cortili interni e giardini con fontane, piante (aranci, banani) e piccole stanze riservate. In realtà, il palazzo è un insieme di case e annessi, costruiti uno accanto all’altro, senza un ordine prestabilito.

Gli stili decorativi

Il grande cortile principale è magnifico. Dopo le piccole sale, è una boccata d’aria fresca qui, sul vasto pavimento piastrellato. Dopo la folla nelle sale (e il ritorno del sole!), mi sono presa il tempo di respirare e di osservare i diversi stili decorativi. I soffitti delle navate laterali sono tutti colorati, così come le vetrate della sala posteriore. Anche la porta è sontuosa e finemente intagliata. Potrei anche classificare questo sito come la cosa migliore da vedere qui a Marrakech per la sua architettura creativa.

Subito dopo arriviamo al “Grand Riad”, dove la vegetazione abbonda. I due portici di cedro sono ancora una volta di notevole bellezza e finezza. Mentre si passeggia nei vicoli, una morbida freschezza esotica accarezza le spalle. Le camere che seguono sono… sì, di nuovo! Ciò che mi ha stupito anche nel Bahia Palace di Marrakech è che ogni volta che si pensa di essere arrivati all’ultima parte, beh no, c’è ancora qualcosa dopo. Sembra che non finisca mai e, allo stesso tempo, non mi sono mai annoiata. Sono rimasta ogni volta stupita dalla bellezza delle stanze e dei loro dettagli decorativi.

Nell’ultima sala (sì, a un certo punto succede comunque), mentre aspettavo un varco nel flusso turistico, una guardia mi osserva con simpatia. Mi saluta (mi cambia rispetto all’altra del giorno prima al Palazzo Badi) e iniziamo a chiacchierare. Mi spiega l’estetica araba del soffitto, la sua simmetria con il terreno, la stella islamica con otto rami e i tre motivi ricorrenti (calligrafici, geometrici e stellari) della storia del Palazzo Bahia. Molto interessante! Tuttavia, il discorso aveva qualcosa del monologo recitato con automatismo… Mi è sorto un dubbio… E bim, non ha fallito, ha concluso chiedendomi una moneta in cambio! “Benvenuto a Marrakech, amico mio!”.

La migliore attrazione da vedere a Marrakech!

Visitare il Palazzo Bahia è stato un vero piacere! Se doveste visitare un solo luogo turistico a Marrakech, ve lo consiglio sinceramente! Il biglietto d’ingresso di 10 dirham è assolutamente ridicolo rispetto a tutti gli splendori che si possono vedere all’interno. Ho trascorso 2 ore e 30 lì, ma mi sono presa molto tempo (1 ora può essere “sufficiente”). Cose da vedere a Marrakech

Ho voluto visitare anche un altro palazzo, apparentemente quasi altrettanto magnifico, il Palazzo Dar Si Said. Costruito dal fratello di Ahmed Ben Moussa, assomiglia molto al Palazzo Bahia, che si trova a poche centinaia di metri. Ospita il Museo delle Arti Marocchine che mette in evidenza l’artigianato.

Le tombe Saadiane

Trovare l’ingresso alle Tombe Saadiane di Marrakech è già di per sé una piccola sfida. Bisogna passare davanti all’ingresso della Moschea Moulay El Yazid e costeggiare il muro fino al piccolo negozio di souvenir che vende cartoline. L’ingresso si trova nell’angolo a sinistra, in quello che sembra un vicolo cieco. Si capisce subito perché sono state riscoperte solo nel 1917 dagli archeologi francesi (il sultano Moulay Ismaïl le aveva fatte murare per rinchiudere gli spiriti dei suoi predecessori). Alla biglietteria, il ragazzo ha già iniziato a lamentarsi perché non ho il resto per il biglietto d’ingresso di 10 dirham (finalmente avrà il resto…). Dovete assolutamente visitare queste tombe, sono una delle cose più importanti Cose da vedere a Marrakech.

Dopo aver costeggiato le mura in uno stretto passaggio, si arriva a un’architettura intermedia con una sessantina di tombe. È circondata da ceramiche colorate con vari motivi e forme. Alcune sono semplicemente appoggiate a terra (protette da barriere, i visitatori restano sulle passerelle). Quelle piccole sono agghiaccianti…

Alcune, più prestigiose, sono ospitate in mausolei aperti. Due sale sono particolarmente ricche e finemente decorate. L’accesso a una di esse, la Sala delle Dodici Colonne, richiede una coda (20 minuti nel mio caso) perché si accede da un piccolo passaggio angusto. Non si può rimanere lì a lungo o si viene sgridati dalla guardia e dagli altri che aspettano il loro turno. Tuttavia, osservate comunque la ricchezza ornamentale con i rilievi scolpiti sulle pareti, gli archi e i soffitti in cedro. Sontuoso! I Saadiani erano una ricca dinastia stabilitasi a Marrakech nel XVI secolo e dotata di senso dello splendore.

Il Museo della Fotografia è una delle cose da non perdere a Marrakech.

Anch’io non l’ho visitato (non avevo tempo di fare tutto in 3 giorni: Cose da vedere a Marrakech, i souk, tutti i musei…) ma sembra che valga davvero la pena di fare una deviazione. Creato nel 2009 su iniziativa privata, il Museo della Fotografia di Marrakech racconta la storia del Marocco attraverso le immagini esposte sui suoi tre piani: immagini storiche degli inizi della fotografia di viaggio (seconda metà del XIX secolo), ritratti, paesaggi, scene di vita dell’epoca… La collezione comprende quasi 10.000 documenti dal 1870 al 1960. Senza dubbio la sua visita sarà all’ordine del giorno del mio prossimo viaggio in Marocco.

In tutta onestà, attraversare Marrakech è stata per me un’esperienza difficile. Chiaramente, ho odiato la vita (turistica) della città, con la sua agitazione, il suo rumore, le sue continue sollecitazioni… È estenuante! Andare nel deserto per 7 giorni mi ha fatto molto bene. Tuttavia, ho apprezzato molto di più le visite da fare a Marrakech. Sono state per me dei rifugi nella città, delle parentesi dove il tempo sembrava (finalmente!) rallentare e dove potevo godere serenamente delle bellezze dell’estetica araba. Inoltre, i prezzi sono molto convenienti! Ora sta a voi scegliere in base al vostro tempo e ai vostri desideri! Per consigli e buoni indirizzi, consultate la mia guida pratica. Speriamo che questa guida sulle Cose da vedere a Marrakech vi piaccia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Aprire la chat
Benvenuti a Trips Around Morocco
Salve, iniziamo a pianificare la vostra vacanza in Marocco.
Seraphinite AcceleratorOptimized by Seraphinite Accelerator
Turns on site high speed to be attractive for people and search engines.